domenica 4 settembre 2011

NO PASARAN, NO AL GIRO DELLA PADANIA




L'iniziativa, proposta da Bossi lo scorso anno, si terrà questo settembre. L'ex campione Bettini: "Una gara in più fa bene a questo sport". L'organizzatore dell'evento prima dice: "Non mi affiancherei a un evento politico". Poi corregge il tiro: "Se non hai un appoggio istituzionale non fai nulla".


È un’iniziativa tutta leghista che nasce dalla volontà del Senatùr, Umberto Bossi. Ne aveva parlato nel settembre del 2010, a Venezia, quando aveva detto che: “il ciclismo è più popolare del calcio e fa conoscere alle persone la propria terra”, raccogliendo il plauso di tanti cicloamatori del Carroccio. La Lega conosce bene l’importanza dello sport e degli eventi mondani e da tempo ha imparato a sfruttarne i vantaggi (vedi nazionale padana di calcio, Miss Padania). E ora arriva anche il Giro di Padania. Si tratta di una mini corsa a tappe che si disputerà sulle strade delle regioni del nord.

L’annuncio è stato fatto dal leghista Michelino Davico, sottosegretario all’Interno, in occasione della presentazione della Tre Valli Varesine, dove era presente in qualità di presidente dell’associazione sportiva Monviso Venezia: “In pentola bollono grandi iniziative – ha detto -, un nuovo giro, un giro delle regioni del nord, una nuova occasione di sport e di ciclismo”. Nella stessa occasione l’ex campione Paolo Bettini ha commentato positivamente la notizia: “Mi fa piacere, negli ultimi anni ci si lamentava delle carenze del calendario italiano nel mese di settembre, importante per tutti i corridori che devono farsi vedere e hanno voglia di vincere per conquistare una maglia azzurra per il mondiale”.



La gravità istituzionale consiste nel fatto che la FCI che organizza la corsa, non è una struttura privata, ma è parte del CONI cioè della struttura che ufficialmente lo Stato italiano riconosce come propria per l’organizzazione dello sport a tutti i livelli. Struttura dotata di una propria autonomia appunto per garantire l’indipendenza della gestione sportiva dalla politica.






Esprimiamo, oltre la perplessità dell'organizzazione di un evento politico-sportivo in un momento nel quale la preoccupazione della gente è quella di non saper come fare ad arrivare a fine mese, anche quella che questa manifestazione sia l'ennesima provocazione di una destra fascista, xenofoba, omofobica, legalizzata e sostenuta da un governo libertino e liberticida.
Accettare significa appoggiare una politica tesa ad un regime, rimanere in silenzio significa esserene complici.

Urge una risposta forte e decisa tesa a boiccotare la manifestazione, disturbarne il percorso, bloccare gli atleti negli alberghi.
Facciamo leva sulla coscenza di tutti i compagni, anche di quelle regioni non interessate dalla manifestazione, per appoggiare e partecipare ad una 4 giorni di opposizione ad una politica fascista. E' un appello a tutte le forze antifasciste affinchè si costituisca un fronte unitario.

NO PASARAN



fabio malandra

ITALIA FASCISTA 2.0

Il caso di Roma, riguardo l'approvazione da parte della giunta comunale, per dedicare una strada alla memoria di Giorgio Almi...