sabato 8 novembre 2014

Usi Ait

fonte: https://www.facebook.com/unionesindacale/posts/400827703404587?fref=nf


ULTIMISSIME da Carrara.



Stamattina alle ore 11, si è radunata davanti al palazzo civico di Carrara , sede dell'amministrazione comunale, una folla di circa 3500 persone, che protestava contro il sindaco Zubbani e la sua giunti, colpevoli del disastro annunciato che si è abbattuto tra martedì e mercoledì mattina su tutto il territorio comunale. La folla chiedeva a gran voce le dimissioni della giunta. Il sindaco apparso sulla sommità di una scalinata, alle ore 12.30, protetto da una quindicina di poliziotti in tenuta anti sommossa ha dichiarato:
' il sindaco e l'amministrazione comunale non si sentono responsabili dell'accaduto e non rassegneranno le dimissioni'. A questo punto si è levato dalla piazza un vero e proprio ruggito che è culminato con il tentativo di raggiungere il sindaco Angelo Zubbani che è stato costretto a una fuga precipitosa, protetto dagli scudi della PS e dei cc. A questo punto centinaia di persone hanno occupato il palazzo comunale dichiarandosi in presidio permanente. La richiesta principale degli occupanti è quella di ottenere il commissariamento del comune di Carrara e di costituire comitati di controllo e di vigilanza su tutti gli atti amministrativi e sulle opere di sicurezza da attuare.
Vogliamo sottolineare che la mancanza di vittime è da attribuirsi a un 'puro miracolo'.
A PARTIRE DALLE 20.00 ASSEMBLEA NEL PALAZZO CIVICO OCCUPATO
Nonostante la mobilitazione, migliaia di persone continuano a spalare incessantemente il fango . Molte altre si stanno recando a dare loro un aiuto solidale. La solidarietà sta fluendo spontanea, anche dalle città e dai paesi limitrofi. Basti pensare che gli studenti dell'Istituto Alberghiero hanno portato cibo e bevande.
USI LAVORATRICI E LAVORATORI ENTI LOCALI DI CARRARA
USI SEZIONE DI LUCCA











SCANDALO SANITA' PARMA COMUNICATO

Tutti ormai siamo a conoscenza delle note vicende giudiziarie che coinvolgono, come parte lesa,  l'Ospedale Maggiore di Parma. Non...