mercoledì 30 novembre 2011

Fiat/ Trattativa contratto parte in salita,Landini lascia tavolo

fonte: http://www.tmnews.it/web/sezioni/economia/PN_20111130_00002.shtml


Si punta a chiudere entro Natale



 

 Torino, 30 nov. (TMNews) - Partenza in salita ieri all'Unione industriale di Torino per la trattativa tra Fiat e sindacati metalmeccanici sul nuovo modello contrattuale da applicare negli stabilimenti italiani. Che l'incontro fosse interlocutorio era scontato ma che finisse con una coda di polemiche e dietrologie sullo scontro Fiom-Fiat un po' meno. Davanti all'Unione industriale di Torino sin dal mattino la tensione era palpabile. L'obiettivo è quello di chiudere entro Natale.

In via Fanti erano già presenti un'ora prima dell'incontro operai della Fiom, dei Cobas e dell'Unione sindacati di base, guardati a vista dalle Forze dell'ordine. Dopo l'arrivo del corteo della Fiom, dei lavoratori della Fiat Powertrain Mirafiori e di operai dell'Iveco, alla cui testa c'era Maurizio Landini, leader nazionale dei metalmeccanici della Cgil, è salita la tensione. Lì davanti c'erano già alcuni rappresentanti dei Cobas che cercavano di irrompere nella palazzina dell'Unione, chiedendo di far partecipare al tavolo delle trattative anche i loro rappresentanti. Respinti dalle forze dell'ordine i Cobas hanno poi deciso di fare da 'tappo' all'ingresso della palazzina. Una parte della delegazione della Fiom, tra cui il responsabile nazionale auto Giorgio Airaudo, è rimasta fuori.



La Fiat ha voluto cominciare ugualmente la riunione e a quel punto il leader della Fiom Maurizio Landini e la sua delegazione hanno abbandonato il tavolo. "La Fiom non ha abbandonato la trattativa, è stata la Fiat che non ha garantito la governabilità del tavolo sindacale", preciserà più tardi Landini che non è poi più rientrato al tavolo sindacale.

L'incontro è proseguito con un unico rappresentante del sindacato di Landini a fare da "osservatore", mentre Fiat che in un primo momento si è detta dispiaciuta dell'accaduto, nel pomeriggio ha bollato il mancato ingresso di Landini come pretestuoso.

SCANDALO SANITA' PARMA COMUNICATO

Tutti ormai siamo a conoscenza delle note vicende giudiziarie che coinvolgono, come parte lesa,  l'Ospedale Maggiore di Parma. Non...